Scritto daCucina in on Nov 21, 2017 8:00:00 AM

 

Qual è l’ingrediente che trasforma un gruppo di persone che lavora nella stessa azienda, in un team coeso e affiatato? La fiducia! Non importa quanto siano capaci o talentuosi, non potranno mai raggiungere il pieno potenziale se la fiducia e la collaborazione non sono presenti; al contrario, quando ci si fida l’uno dell’altro, il gruppo può raggiungere obiettivi veramente significativi sia per il benessere dell’impresa che per loro stessi.

Il dizionario Treccani definisce la parola “fiducia” come: “Atteggiamento, verso altri o verso sé stessi, che risulta da una valutazione positiva di fatti, circostanze, relazioni, per cui si confida nelle altrui o proprie possibilità, e che generalmente produce un sentimento di sicurezza e tranquillità”. Ma come si crea questo sentimento che regola ogni rapporto, incluso quello lavorativo? Di seguito abbiamo messo insieme i passi fondamentali:


1. Parole e azioni

Uno dei pilastri chiave di un Manager, Leader o Responsabile aziendale, per creare fiducia e collaborazione tra i dipendenti, è far seguire alle proprie parole, fatti concreti. Le azioni sono uno tra i mezzi più importanti che tu abbia a disposizione per sviluppare un legame profondo, nonché di credibilità emotiva.

La fiducia si guadagna, infatti, dando l’esempio e mantenendo le promesse; non dimenticare che anche il discorso migliore è vuoto se non supportato da azioni e ogni impegno non mantenuto rende le persone meno inclini a fidarsi di te.


2. Condividere le informazioni

Spesso capita che nelle aziende le informazioni non siano condivise con tutti i membri del team: questa consuetudine viene percepita dai dipendenti come scarsa o nulla considerazione nei loro confronti e nel loro lavoro. Organizzare riunioni regolari, in cui ogni dipendente non solo viene aggiornato sui programmi/obbiettivi ma ha anche la possibilità di parlare dei suoi progressi e/o le difficoltà che sta incontrando e discuterne liberamente con gli altri, incentiva un clima collaborativo.


3. Sviluppare le relazioni

Condividere gli stessi spazi aziendali, seppur per molte ore al giorno, non sviluppa le relazioni tra i dipendenti, anzi probabilmente rafforza l’individualismo.

Per creare legami che portino a fidarsi e a collaborare con gli altri, è necessario uscire dalla sede lavorativa e organizzare attività di Team Building, in cui non esistono più ruoli e gerarchie ma solo capacità personali messe al servizio del gruppo per raggiungere uno scopo comune attraverso il gioco.


4. Creare un ambiente favorevole

Un ambiente favorevole stimola e incoraggia i dipendenti ad essere innovativi e a proporre nuove idee. Per crearlo è necessario ascoltarli attivamente ma soprattutto mostrando comprensione anche quando sono stati commessi degli errori. Tendenzialmente, invece, dopo essersi verificato lo sbaglio, si punta il dito verso il colpevole, generando un’atmosfera lavorativa spiacevole che diminuisce il morale del team e lo rende meno produttivo. Gli errori dovrebbero essere trasformati piuttosto in qualcosa di costruttivo, per esempio ponendo domande quali:

  • Come possiamo fare per risolvere quanto è accaduto?
  • Come possiamo evitare che accada di nuovo?


5. Pranzare insieme

Un altro modo per migliorare la coesione del team è trascorrere la pausa pranzo insieme. Sono momenti aggreganti che aiutano a ridurre le barriere tra le persone. In alternativa, se il team è solito mangiare alla propria postazione portandosi il pasto da casa, si può adibire un tavolo comune in cui pranzare insieme, così come avviene in famiglia.

Creare fiducia e collaborazione tra i dipendenti è un processo lungo, che richiede un radicale cambio della cultura organizzativa; tuttavia, senza queste colonne portanti non può esistere innovazione, pensiero creativo e produttività.

E il tuo team è affiatato?

 

Topics: Cooking Team Building